Come trattare una pentola in terracotta nuova, primo utilizzo e info utili

Pentola in terracotta nuova?

Primo trattamento e consigli utili

Pentola in terracotta

 

Moltissime persone hanno deciso di tornare a cucinare usando l’intramontabile pentola in terracotta, come facevano i nostri nonni, per tanti motivi: si cucina meglio, il sapore del cibo è decisamente più buono, inoltre la terracotta è più sana e – al contrario di come si pensa comunemente – più igienica rispetto alle pentole in metallo, infine è un ottimo elemento di arredo per la cucina!

Ma a differenza delle comuni pentole in acciaio, la terracotta va trattata prima di essere utilizzata e in più vanno osservati alcuni semplici accorgimenti. Molti credono che le pentole in coccio hanno un ciclo di vita breve, ma in realtà, se si trattano in un certo modo, dureranno una vita. Questi consigli valgono per le pentole bombate, i tegami, le ciotole, le teglie e tutti i prodotti per la cucina.

PRIMO UTILIZZO

Pentola bombata in terracotta smalto bianco antico

Prendi una bacinella d’acqua calda (non eccessivamente calda, 30-40 gradi vanno benissimo) e immergi la tua nuova pentola in terracotta assicurandoti che sia completamente ricoperta d’acqua. Metti anche il coperchio nella bacinella (non sulla pentola, magari accanto) se prevedi di utilizzare la pentola anche in forno. Tienila così per 12 ore, poi ripeti l’operazione per altre 12 ore. Questo perché? Per due motivi:

1. Perché così abitueremo gradualmente la nostra bella pentola al calore;

2. Perché in fase di produzione, dopo la seconda cottura (per la smaltatura, che avviene a 1500 gradi centigradi) le pentole si disidratano, insomma, perdono l’umidità interna e quindi in questo modo le idrateremo di nuovo. Se senti qualche ticchettio o vedi qualche piccola bollicina, non ti preoccupare, è l’acqua che sta entrando nei micropori della creta e la sta reidratando!

Dopo quest’operazione, lasciala scolare ben bene tenendola capovolta, in modo che si asciughi totalmente e naturalmente.

L’operazione va eseguita solo una volta, dopo averla acquistata e prima di utilizzarla.

I CONSIGLI DELLA NONNA

La parte non smaltata della pentola

La parte non smaltata della pentola, quella che va a diretto contatto con il fuoco

Un trucco molto efficace ma che pochi conoscono è quello di passare uno spicchio d’aglio sulla parte non smaltata della pentola, ossia quella che si trova sul fondo, in altre parole quella che andrà a diretto contatto con il fuoco. Questo perché l’aglio (oltre ad essere un potente antibiotico naturale!) è un fissante, un collante e un protettivo naturale. Se usi la pentola tutti i giorni, ripeti l’operazione ogni 6 mesi, altrimenti va bene farla una volta l’anno.

SPARGIFIAMME SI O NO?

maiolica alta resistenza

Molti ti diranno di usare lo spargifiamme, ma se segui questi consigli, non occorre utilizzarlo. E’ una protezione in più, ma non serve certo ad evitare le crepe nella pentola! Le crepe ci saranno solo su pentole di scarsa qualità o se non segui tutti i passaggi appena descritti. Lo spargifiamme serve anche ad evitare che dopo la cottura si creino quelle fastidiose bruciature sul fondo della pentola, ma se usi il fornello con la fiamma larga e bassa, non ci sono problemi. Dato che la smaltatura delle nostre pentole avviene a 1.500 gradi centigradi, gli smalti sono molto resistenti al calore (ceramica alta resistenza) e quindi le bruciature non intaccano la brillantezza degli smalti e possono essere pulite molto facilmente in lavastoviglie o con una comune spugna da cucina.

COSA FARE DOPO LA COTTURA?

Semplicemente basta far raffreddare la pentola in terracotta dopo la cottura e lavarla quando è completamente fredda. Puoi anche lavarla in lavastoviglie, ma sempre dopo averla fatta raffreddare completamente!

SE SEGUI QUESTI CONSIGLI…

Puoi usare la pentola in terracotta in forno, sui fornelli, sul fuoco del caminetto e anche sulle stufe e sulle piastre a induzione, senza problemi! E sappi che le pentole in terracotta possono essere lavate tranquillamente in lavastoviglie oppure a mano come qualsiasi altra pentola, senza particolari accorgimenti.

LA TERRACOTTA TI FA RISPARMIARE!

Ebbene si, le pentole in terracotta scaldano prima rispetto a quelle in acciaio o a quelle antiaderenti e la distribuzione del calore è più uniforme, quindi potrai cuocere prima e meglio i tuoi gustosi cibi, risparmiando anche sul costo del gas. Tra l’altro non tutti sanno che la terracotta trattiene il calore più di qualsiasi altro materiale e infatti, se la spegni dopo la cottura, continuerà a cucinare. Ecco perché le nostre nonne spegnevano il fuoco anche 20/30 minuti prima di mettere in tavola.

LA TERRACOTTA NON PUZZA

Allora, sfatiamo subito questo fastidioso mito: la terracotta non puzza, le pentole in terracotta nuove non puzzano e, quindi, lascia perdere tutti i consigli che ti propinano per togliere la puzza dalla terracotta. Se la terracotta puzza è perché è stata fatta con materiali di dubbia provenienza e sicuramente non naturali.

LA TERRACOTTA TICCHETTA?

Si, se acquisti una pentola in terracotta nuova e senti che ticchetta oppure caccia le bollicine quando la tieni in acqua per la prima volta, è del tutto normale, perché la creta di sta allargando dopo essersi ovviamente ristretta durante la cottura (in acqua si sta reidratando). La terracotta è un materiale vivo e si adatta a tutte le temperature, quindi seguendo questi consigli vedrai che non si romperà mai durante la cottura, anche a temperature elevatissime.

DIFFERENZA TRA SMALTI E CRISTALLINE

Se ti propinano pentole o tegami “invetriati” (cioè vetrificati con cristalline trasparenti), mandali a quel paese. Sai perché? La cristallina trasparente amplifica la bellezza del colore della creta, certo, però non la copre pienamente e quindi la pentola trasuda e si possono verificare piccole fuoriuscite di liquidi, mentre lo smalto è coprente e totalmente impermeabile.

La cristallina si usa solo per smaltare la parte interna di ogni pentola. All’esterno le pentole di qualità sono smaltate con smalti apiombici, non con cristalline.

Purtroppo chi vende terracotta non sempre ti darà queste informazioni e ti propinerà prodotti a basso costo ma a largo profitto (la cristallina costa meno degli smalti apiombici).

VEDI LE NOSTRE PENTOLE IN TERRACOTTA

Pentole prodotte artigianalmente con materiali di qualità

Leggi anche come riconoscere la vera terracotta artigianale

2018-12-05T23:03:56+00:00